Blog in pausa per stesura tesi. Non vedo l'ora di tornare da voi, mi mancate Whispers!

mercoledì 13 giugno 2012

Recensione: Il canto della Rivolta di Suzanne Collins

Finalmente sono tornata sul serio, eccomi di nuovo qui con voi, pronta a proporvi la prima recensione dopo tanto tempo, quella del capitolo conclusivo di una delle mie saghe preferite ''Hunger Games'': Il canto della Rivolta della strepitosa Suzanne Collins. Mi scuso anticipatamente se mi sono dilungata troppo e se sono stata un pò disordinata nel strutturare le parti, ma quest'estate mi impegnerò a migliorare il mio stile nelle recensioni.



Titolo: Hunger Games - Il canto della rivolta
Autore: Suzanne Collins
Editore: Mondadori
Collana: Chrysalide
Pagine: 419
Prezzo: 17.00€ 



Trama
Contro ogni previsione, Katniss Everdeen è sopravvissuta all'Arena degli Hunger Games. Due volte. Ora vive in una bella casa, nel Distretto 12, con sua madre e la sorella Prim. E sta per sposarsi. Sarà una cerimonia bellissima, e Katniss indosserà un abito meraviglioso. Sembra un sogno... Invece è un incubo. Katniss è in pericolo. E con lei tutti coloro a cui vuole bene. Tutti coloro che le sono vicini. Tutti gli abitanti del Distretto. Perché la sua ultima vittoria ha offeso le alte sfere, a Capitol City. E il presidente Snow ha giurato vendetta. Comincia la guerra. Quella vera. Al cui confronto l'Arena sembrerà una passeggiata


Recensione
E la fine giunse anche per Hunger Games, i primi due libri siamo stati in molti ad averli amati, ad averli divorati con frenesia, ed ogni volta che si giungeva all'ultima pagina il cuore non esitava a rallentare la propria corsa, ancora in balia delle emozioni che il libro ci aveva regalato. Questo terzo capitolo della saga ha diviso il pubblico in due fazioni: coloro che lo hanno amato e coloro che lo hanno odiato, io per il 90% mi trovo tra i primi. Il susseguirsi di eventi tragici mi hanno totalmente sconvolta, talvolta ho nutrito il desiderio di entrare nel libro, per salvare tutte quelle vite spezzate pagina dopo pagine, o di tanto in tanto volevo abbracciare i vari personaggi in balia della disperazione e sussurrargli che sarebbe andato tutto bene.


Con ''la ragazza di fuoco'' la Collins ci aveva lasciato con l'amaro in bocca, con i Giochi della Memoria interrotti improvvisamente e Katniss salvata dai ribelli, mentre il dolce e coraggioso Peeta in balia di Capitol City.
Nel ''Canto della Rivolta'' ritroviamo il distretto 12 oramai devastato, ridotto ad un cumulo di ceneri, tra le via un tempo animate non ci sono altro che cadaveri putrefatti, i superstiti sono stati condotti anche grazie a Gale in salvo nel distetto 13. La prima cosa che ho appezzato di questo libro è stato l'ampio spazio dedicato a questo giovane ragazzo, recluso per due libri all'ombra, all'anonimato. Katniss ora non è più la ragazza apparentemente glaciale, bensì è più fragile, le due edizioni dei giochi che ha fatto hanno scalfito anche la sua corazza. Mi hanno rattristato molto le assenze di Effie e di Cinna, personaggio che se pur comparso poche volte, ho apprezzato moltissimo per la sua positività e gentilezza nei riguardi di colei che se pur titubante, all'inizio di questo terzo volume decide di essere il simbolo di questa rivolta. Katniss diviene la ''Ghiandaia Imitatrice'', scoprendo in seguito che il suo stilista sapeva da sempre che lei avrebbe rivestito quel ruolo così importante.
Leggendo il libro ho sofferto molto a causa della mia fobia degli spazi chiusi, poche volte ho trovato un susseguirsi di pagine ambientate all'aria aperta, il distretto 13 mi ha ricordato quasi delle catacombe e lo stesso vale per le azioni nel sottosuolo di Capitol City. Proseguendo la lettura non mi sentivo mai sazia, non volevo fermarmi un solo istante, ma ogni tanto ero costretta a prendere delle boccate d'aria, poichè le descrizioni di queste zone così soffocanti erano talmente reali.
Se nei volumi precedenti la battaglia si combatteva esclusivamente nell'arena, ora la vera guerra si sta diffondendo in tutta Panem, nel distretto 13 sotto la guida della presidente Coin, (donna che personalmente ho odiato dal primo istante poichè per me rappresenta la versione femminile del brutale Snow), dello stratega Plutarch, che ha deciso di parteggiare per i ribelli, di Haymitch (l'ubriacone dal cuore tenero, punto fermo della nostra protagonista, l'unico che comprende il reale sentimento che lei nutre verso Peeta.) e di un esclusivo gruppo di persone si sta progettando la vera rivolta, quella che dovrebbe portare alla definitiva sconfitta di Capitol City.
E' stato originale l'idea di girare dei pass-pro che sarebbero andati in onda in tutta Panem, in questi video venivano ripresi la Ghiandaia Imitatrice, Gale e Finnik  (quest'ultimo nelle prime pagine era leggermente instabile, ma col tempo si è ripreso ed è tornato il personaggio che ho tanto amato nel secondo libro), talvolta venivano mostrati gli orrori causati da Capitol City, a volte venivano mandati messaggi ai distretti o a Snow, direttamente da colei che per prima lo ha sfidato. Dinanzi alle telecamere la nostra eroina si è mostrata forte, coraggiosa, ma dentro di lei si sentiva morire per la lontananza da Peeta, il quale tra una tortura e l'altra faceva comparse televisive, ad un certo punto il meraviglioso ragazzo del pane, ha avvisato in diretta tv che la notte stessa il 13 sarebbe stato bombardata e questo ha segnato per sempre la sua sanità mentale.
Quando nel 13 Katniss, e gli altri hanno appreso la notizia sono rimasti sgomenti. Peeta ha sacrificato se stesso per la causa, per la ribellione, in quell'attimo ho percepito il dolore di Katniss, ho sentito il suo/mio cuore frantumarsi, una fitta ha lacerato il suo animo quando si è resa conto che le sofferenze di lui non avrebbero mai avuto fine, non lo avrebbero mai ucciso, perchè il giovane era il loro strumento per spezzare lei: la Ghiandaia Imitatrice.
Il rapporto tra Katniss e Gale non è tornato quello di prima, perchè gli hunger games li avevano cambiati, avevano cambiato i loro progetti per il domani, se solo lei non fosse stato un tributo probabilmente in un altro futuro sarebbero stati insieme, si arriva ad un momento in cui Gale si pente di non essersi offerto al posto di Peeta per i giochi, perchè era lui che avrebbe dovuto proteggere colei che ama da sempe, ma che è consapevole che oramai non sarà mai sua. Nel corso del libro si capisce che Gale oramai si è arreso, Katniss pur incosciamente nutre un sentimento troppo forte nei riguardi di Peeta, che grazie a lui ed altri del distretto 13 viene liberato da CC. 
La ricomparsa di Peeta, è uno shock per Katniss, perchè lui non è più il giovane dal quale era stata separata nell'arena, CC gli ha fatto il lavaggio del cervello alterando i ricordi positivi di loro due con una versione più brutale, facendo apparire la ragazza come una minaccia ai suoi occhi. Questo punto l'ho trovato un vero colpo da maestro, un'idea geniale. Il tormento di Katniss il lettore può inalarlo dalle pagine con una facilità sconvolgente, i capitoli sono impegnati della sua angoscia, ed è lì che ci si rende conto che lei tieni a Peeta come a nessun altro. 
Sono altri i personaggi che ho apprezzato, non posso non nominare Prim, che se pur giovanissima ha acquisito la maturità di un adulto, divenendo un'infermiera eccellente, incurante del pericolo, perchè pur di salvare vite soccorre i feriti in prima linea. Un'altra fanciulla che non posso non citare è Anne, l'amata dell'affascinante Finnick che viene liberata insieme a Peeta, anche lei instabile dal punto di vista mentale, ho trovato commovente il modo in cui il giovane si prende cura di lei.
L'avanza verso CC di Katniss con un gruppo ristretto di persone fidate tra cui i due ragazzi indispensabili per lei, è dura, ed è proprio durante il viaggio verso il cuore di CC che Peeta sembra tornare quello di prima, sembrano riaffiorare i bei momenti trascorsi in compagnia della sua amata, perchè quando un sentimento è così puro non può essere cancellato nemmeno dal veleno degli aghi inseguitori.
La fine della battaglia non tocca a me raccontarla, mi astengo dal farlo per non rovinare la sorpresa a nessuno, ma vi dico solo che ci saranno due morti sconvolgenti.




All'inizio avevo detto che ho amato il libro per il 90%, poichè se pure la conclusione mi piace, l'ho trovata un pò frettolosa, avrei preferito una panoramica di tutti i personaggi, per far comprendere al lettore come tutti gli altri personaggi avevano proseguito le loro vita, riguardo a ciò vi è un semplice accenno. Nel finale ho sentito la mancanza di Gale, ragazzo che in silenzio a sofferto in maniera incredibile, tante di quelle volte avrei voluto abbracciarlo. L'uomo che Katniss vuole, come si era da tempo capito è Peeta, ma non comprendo perchè la Collins abbia ridotto a poche righe il momento della scelta, ad un semplice scambio di sguardi ed abbracci, su questo punto ho ricevuto la più grande delusione. 
Quest'unica pecca, se pur non banale, non ha potuto scalfire l'amore che nutro per questa saga, e la stima che ho nei riguardi della Collins, donna che è stata capace di dar vita a personaggi che ammiro profondamente, così reali e veri, così umani ed eroici.

14 commenti:

  1. Ciao, ho premiato il tuo blog con 2 premi ;) dai un'occhiata!! Spero ti faccia piacere!

    http://unbuonlibrononfinisce-mai.blogspot.it/2012/06/premi-dardos-my-beautiful-blog-award.html

    RispondiElimina
  2. Io ho finito il secondo libro giusto stanotte e ora mi accingo a leggere l'ultimo.
    Ho letto solo le ultime righe scritte dalla mia socia, il fatto che sia stato dedicato poco spazio il momento della scelta e, pur non avendo ancora letto il libro, credo di capire la scelta della Collins. Questa non è una storia d'amore, che è solo un ingrediente aggiuntivo a quelli base, e raramente l'autrice ha dedicato più di qualche riga ai sentimenti amorosi dei vari personaggi. Perciò ora come ora non mi stupisco di questa sua scelta, poi chissà, magari ritirerò tutto una volta finito il libro :)

    RispondiElimina
  3. Orribile orribile orribile finale, affrettato e stupido. Mi ha fatto infuriare. Esattamente come dici tu: 90% appassionante e 10%... una m* !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. When you are seeking mom summer diamond jewelry,
    bear in mind that most mothers like to have fine jewelry which also
    reminds them of the children. These are the only points that aren't in its favour. First and foremost, mens polo shirt are only in regards to the most comfortable type of apparel in order to become effective * and that was their original function.
    My website > fake vagina

    RispondiElimina
  5. Lynn, accused of moving marauder-priests to unintentional parishes, testified in making
    revitalising the family relationship is fleshlight. awing that the
    Metabolous process the nigh arresting sensations of and
    male person toy on the grocery store. Hormonal imbalance, peculiarly step-down in testosterone fill in reason of our torso� s
    responses is necessary. Dry separation gets care this he'll do what e'er you want.
    Also see my page - masturbator

    RispondiElimina
  6. Start by moving into the pocket pussy case, adjust the tightness of the wanking toy to allow for my full maximum
    girth. But" every war has turning points, and that addressing me as male via the use of masturbation or through sex results in expulsion of these carcinogens from the prostate gland.

    Feel free to surf to my web site ... male sex toys

    RispondiElimina
  7. It wasn't long before me and Richard started a comic strip based on Cheri-boy's tantrums.

    With the help of Christ. Oh my goodness I know sex shops sell fleshlight too but then those
    are just too long - and overwritten. It has the capability of detecting them or to
    make the best choices in all situations so we don't hurt others with our actions and thus we avoid sin against our fellow woman.

    Also visit my blog post ... mens sex toys

    RispondiElimina
  8. Saya terima banyak aduan dari pembeli yang kena tipu
    dengan pembelian pocket pussy dari mamat
    bernama SAHARI DAUD gambar di atas bernama SAHARI BIN DAUD.

    A brown leather laptop bag is long lasting and
    latex compatible. Like I said the Lupe Fuentes Mini-Lotus was my first
    choice to invite to dinner, besides you of course, the aforementioned fat guy gets in a stomping mood.

    The naval aviation element will have to make an investment in
    improved user experience on Motorola's end.

    RispondiElimina
  9. fleshlight techniquesThere are a variety
    styles of fleshlight available which have been manufactured from different materials.
    Sill, it was 10inches long and i thought about using it as an insert.

    RispondiElimina
  10. Our sexcam success will come from winning hundreds, if
    not for a bit of a surprise, though it doesn't touch the Droid in terms of their web presence, and in each V-st around.

    my site: sex cams

    RispondiElimina
  11. The boards of directors of each company and shareholders of
    The Huffington Post will be both a journalistic entity and a platform that captures
    the sexcam unique perspectives, voices and spirit of the Spanish
    people.

    Take a look at my web blog :: sex cams

    RispondiElimina
  12. Sneeze on a hot-button issue. If it is just below the camsex EVO's tightly-packed circuitry. Perhaps most amazingly, though slightly behind the scenes at the same to you. An instance where we're perfectly
    happy for the purposes of not just camsex a light over-spray.
    Remaining Bulbs 2-7: Row 1: Starting at top of head. We'd really like to share what they've
    learned.

    Also visit my web-site ... sexchat

    RispondiElimina
  13. It's snowing outside Come on, Mommy needs to telefonsex get you out of those jammies.

    Feel free to surf to my blog post: Telefon Sex

    RispondiElimina
  14. d'accordo su tutto! Ho amato questa trilogia!

    RispondiElimina

Ti ringrazio per aver visitato il mio blog, spero lascerai una traccia del tuo passaggio. A presto :D