Blog in pausa per stesura tesi. Non vedo l'ora di tornare da voi, mi mancate Whispers!

giovedì 15 gennaio 2015

Recensione: "The imitation game"

Buon pomeriggio Whisperiani (o preferite Whispers?!), un altro esame è andato e mi sono concessa un paio di giorni di relax. Sono qui per recensirvi il primo film che ho visto in questo 2015, dal punto di vista cinematografico l'anno non poteva incominciare meglio, tutto merito di una grande pellicola diretta da Tyldum:

"The imitation Game"
Durante l'inverno del 1952, le autorità britanniche entrarono nella casa del matematico, criptoanalista ed eroe di guerra Alan Turing per indagare su una segnalazione di furto con scasso. Finirono invece per arrestare lo stesso Turing con l'accusa di "atti osceni", incriminazione che lo avrebbe portato alla devastante condanna per il reato di omosessualità. Le autorità non sapevano che stavano arrestando il pioniere della moderna informatica. Noto leader di un gruppo eterogeneo di studiosi, linguisti, campioni di scacchi e agenti dei servizi segreti, ha avuto il merito di aver decifrato i codici indecifrabili della macchina tedesca Enigma durante la II Guerra Mondiale.

Recensione (4 1/2 / 5)
Una storia da raccontare. Un uomo da ricordare.

Quella di Alan Turing è stata una delle menti più brillanti di sempre, un uomo che non ha avuto i riconoscimenti che gli spettavano, e' stato sui giornali poiché omosessuale e non perché ha salvato milioni di vite. E' stato costretto a subire umiliazioni ed ingiustizie, quando avrebbe dovuto ricevere solo gratitudine.
Questo film ha il grande merito di farci conoscere la vita di un grande genio vittima del suo tempo, di un eroe che ha vissuto nell'ombra. Per motivi di segretezza, finita la guerra, non ha potuto dire nulla riguardo la grande pagina di storia che aveva appena scritto.

Ho apprezzato il modo in cui hanno costruito la storia, riuscendo con abile maestria ad intrecciare tre linee temporali . Il film ha iniziato durante il secondo dopo guerra, quando la polizia indaga sulla misteriosa figura del matematico Alana Turing, attraverso molti flashback impariamo a conoscere l'adolescenza di un ragazzo abbandonato in un collegio e ci viene svelato il grande mistero non riportato dai manuali di storia: quest'uomo ha decifrato "Enigma", la macchina nazista che i tedeschi utilizzavano per mandarsi messaggi in codice.
In questa pellicola troviamo un  Benedict Cumberbatch nella sua forma migliore, nei suoi occhi dal taglio così particolare di un azzurro che si tinge di grigio sembrano inseguirsi i fantasmi del passato di Turing, riesce a catturare perfettamente l'essenza dell'uomo e del grande genio.
Nel cast vi è l'incantevole Keira Knightley, che come Benedict questo pomeriggio ha ricevuto la nomination per gli imminenti oscar, lei interpreta l'unica donna del team che affianca Turing ed è anche la sola che cerca di liberare Alan dalla morsa della sua solitudine.
Come decifrare una macchina se non realizzandone un'altra, in grado di riuscire dove molti uomini hanno fallito, il suo nome è "Christopher", dietro ai suoi circuiti, ingranaggi, fili, Turing tenta di riportare a lui "qualcuno" che gli era stato strappato via tanti anni prima. La sua macchina inizialmente sembra inutile, si tenta più e più volte di farla funzionare, 
Alan ed il suo team sono come corridori che gareggiano contro un arduo avversario: il tempo, che si lascia dietro di se una scia di morti. Il ritmo incalzante della pellicola tiene lo spettatore, se pure a conoscenza della riuscita dell'invenzione, col fiato sospeso e col cuore in fibrillazione.
Scelta vincente quella di alleggerire di tanto in tanto i toni facendo sorridere lo spettatore, questa è stata una piacevole sorpresa che uno non si aspetta in questo genere di film.
Il finale è toccante, commovente e poetico: un uomo, una macchina in una stanza, una luce che si spegne, didascalie che fanno da epilogo ad una storia che merita di essere narrata nelle scuole, Turing deve essere ricordato.
Questo è un film assolutamente riuscito, è importante che il cinema faccia consocere la vita di grandi uomini, per oltre mezzo secolo il nome Alan Turing è stato tenuto segreto dagli inglesi, che dopo un lasso di tempo esagerato hanno reso noto questo grande matematico, padre dell'informatica e dei nostri computer e grande eroe di guerra.



Per oggi è tutto, aspetto come al solito i vostri pareri. Baci :D

5 commenti:

  1. Io adoro Turing, ci ho fatto anche la tesina delle superiori, nel film un po di cose sono state rese diverse, da quello che avevo letto in una sua biografia, però mi è piaciuto comunque molto. Vorrei leggere qualche altro libro su di lui. Benedict Cumberbatch ha interpretato benissimo il ruolo. La scena in cui non riesce a fare il cruciverba mi ha commosso tantissimo :( l'hanno trattato in modo disumano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima scelta per la tesina, sono curiosa di sapere quali differenze hai trovato. Quella scena spezza il cuore, straordinaria :)

      Elimina
  2. Appena visto ed apprezzato, tra poco ne parlerò anch'io sul blog. Un Cumberbatch perfetto nel ruolo ed un ottimo cast di supporto.
    Solo la regia mi ha un po' delusa.. Manca quel qualcosa che caratterizza il film o.o
    A proposito di bei film, passo di qua anche per dirti che ho appena organizzato un Toto - Oscar con due ebook in palio, se ti interessa fai un salto ;)
    http://storiesbooksandmovies.blogspot.it/2015/01/toto-oscar-2015-nominations-pronostici.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille dell'invito, sono contenta ti sia piaciuto il film e difficile trovare qualcuno che abbia apprezzato questa toccante storia :D

      Elimina
  3. sabato sono andata a vederlo, in lingua e non so se è stato per questo motivo (alcune volte i doppiatori li trovo inadeguati) o forse perchè l'argomento mi ha sempre coinvolta. ma ho amato tutto di questo film. meritevole la nomination all'oscar (sarà dura assegnarli quest'anno ci sono molti film meritevoli). Complimenti per le tue parole sono adeguate e arrivano al cuore del film. ti lascio il link della mia recensione se ti va di leggerla :)
    http://palledinevedico.blogspot.it/2015/01/the-imitation-game-appuntamento-cinema-1.html

    RispondiElimina

Ti ringrazio per aver visitato il mio blog, spero lascerai una traccia del tuo passaggio. A presto :D