Blog in pausa per stesura tesi. Non vedo l'ora di tornare da voi, mi mancate Whispers!

giovedì 14 maggio 2015

Reporter tra i Nativi Americani - BlogTour: Gala Cox

Acquista il romanzo
Buon pomeriggio miei cari Whispers, non mi sono dimenticata di voi, ma la sessione estiva è solo all'inizio e mi sta prosciugando tutte le energie. Sabato vi preannuncio l'inizio di una nuova rubrica, ed ho tante idee in cantiere per il futuro. 
Oggi ho per voi la nuova tappa del BlogTour di "Gala Cox: il mistero dei viaggi nel tempo" di Raffaella Fenoglio, spero vi piaccia il modo in cui l'ho strutturata.


Essere reporter tra i Nativi Americani è come intraprendere un vero e proprio viaggio indietro nel tempo.
Mi hanno accolta nella loro tribù dandomi il privilegio di passare qualche ora nell'accampamento. 
Sono giunta a destinazione poco prima del tramonto, gli ultimi raggi del sole sembravano coccolare ogni cosa, prima di dare la buonanotte e la promessa che il giorno seguente l'aurora sarebbe sorta per illuminare il creato.
Una donna mi è venuta incontro, i lunghi capelli corvini sembravano un manto tessuto con le tenebre, i suoi occhi erano anch'essi scuri, non disse nulla, mi ha dato il benvenuto con un sorriso radioso. Mi ha condotta in una tenda, mi ha fatto accomodare, ha inserito delle piume tra i miei capelli,
La donna, dopo, mi ha condotta verso un grande falò, intorno al quale erano seduti tutti. L'ultimo ad arrivare è stato il Capo Tribù,  si è seduto e senza indugiare ha iniziato a parlare: 
- Oggi abbiamo tra noi un'ospite, qualcuno che desidera conoscere un aspetto molto importante della nostra cultura. Le insegneremo qualcosa riguardo al nostro "credo". Il "Grande Spirito", anche conosciuto come "Grande Mistero", il creatore, e regna sul
"Felice Territorio della caccia", il nostro paradiso. Il primo uomo e la prima donna ad aver camminato sulla terra sono stati Yakimi e Ojibi. - ero rapita dalla sua voce, così musicale e profonda. - Parallela alla nostra dimensione vi è quella degli spiriti, che non smettono mai di vegliare sulla tribù. Ogni nativo americano impara ad interpretare i sogni e le visioni, mezzo prediletto dal "Grande spirito" e dagli antenati per comunicare con i vivi. E' proprio in sogno che essi indicano la "via sacra", il modo per vivere in equilibrio con l'universo. I giovani che si avvicinano all'età della maturità devo praticare un ritiro spirituale, nel corso del quale digiunano.  Spesso il "Grande Mistero" invia i suoi messaggeri: gli animali, che il più delle volte diventano gli spiriti protettori di quella persona infondendogli le loro doti - alza lo sguardo verso il cielo, per poi tornare a contemplare il fuoco. Anche io sollevo lo sguardo per ammirare il cielo stellato, prima di quel momento non avevo mai contemplato uno spettacolo tanto meraviglioso.
Il Capo Tribù fa un cenno al ragazzo seduto accanto a lui, il giovane si alza e viene verso di me porgendomi la mano, io accetto l'invito. Qualcuno inizia a suonare dei tamburi, altri suonano strumenti simili ai flauti. Mi lascio trasportare dalle note e da questa melodia affascinante e ricca di mistero, ed inizio a ballare con questa tribù. Per poche ore mi sono sentita una di loro.

Se lo desiderate premete sul simbolo 1+ in fondo al post,
mi farebbe piacere avervi come lettori fissi del blog e vi invito sulla pagina del Whisper  e sul mio canale Ciak: un amore tra le pagine.


1 commento:

  1. Che bella questa tappa *__* Molto interessante. Alcune cose già le sapevo ma altre no. Brava Giò!

    RispondiElimina

Ti ringrazio per aver visitato il mio blog, spero lascerai una traccia del tuo passaggio. A presto :D